VTR Honda Italian Site Team

Ciao e ben arrivato su www.vtritalia.it,
sei approdato sul sito, nato dalla passione di alcuni VTRisti, che si prefigge
l'ambizioso obbiettivo di diventare il sito di riferimento per i VTR in Italia.
Il forum è a tua disposizione...vi aspettiamo numerosi e facciamo sentire che
"Il VTR c'è!"
Il tuo contributo è prezioso Aiutaci, entra nel Forum e presentati!

Sostituzione pastiglie freni Print E-mail
Wednesday, 27 September 2006 16:21
Passati i primi 2 anni scade la garanzia di mamma Honda ed essendo i dindini assai preziosi è il caso di ritornare ad effettuare sulla propria cara quei piccoli lavoretti di manutenzione ordinaria.
Uno dei più semplici è sicuramente il cambio delle pastiglie freni.

Dal concessionario ci vogliono 90 euro, da un ricambista ce la si cava spendendo la metà.
Consideriamo poi che non dobbiamo aggiungere la manod'opera ed ecco che con quello che abbiamo risparmiato possiamo tirarci fuori una bella cenetta con la nostra donna ;-)

Innanzittuto occorre procurarsi le pastiglie nuove, non dovrebbe essere un problema trovarle, io ho preso delle NISSIN che sono le stesse che praticamente montava il mio VTR, ma so di certo che anche la Brembo le produce (ricordiamoci comunque che le pinze sono prodotte dalla Nissin).

Nel dubbio consiglio di fidarsi del ricambista, a meno che non si desideri una specifca pastiglia.

Per la serie Nissin ad esempio esistono 5 diverse serie: SS, RS, GS, ST e NS.

La serie SS grazie alle sue qualità legate ad una frenata dolce e progressiva in ogni tipo di condizione ed ad ogni temperatura si preferisce per un utilizzo stradale.

La serie RS, è invece progettata per essere utilizzata a temperature superiori e fornisce il meglio solo quando viene portata in temperatura (meglio non utilizzarle in condizioni di bagnato) in cui garantisce frenate più decise e potenti e si preferisce quindi per un utilizzo racing/pista.

La serie GS è invece progettata espressamente per un utilizzo Cross/enduro

La serie ST sono invece pasticche sinterizzate

Infine la serie NS è stata espressamente studiata per un utilizzo Sport Touring e garantisce lunga durata della pasticca con ottime prestazioni in ogni condizione.

A differenza di quanto avviene sulle automobili, le pastiglie freno da moto possono venir sostituite senza l'obbligo di smontare la pinza, anche se io ho preferito effettuare lo smontaggio per due ragioni: la prima è che è decisamente più semplice aprire i pistoncini visto che è più agevole inserire le dita, la seconda è che in questo modo posso esamimare più attentamente lo stato dei pistoncini e riesco a pulire bene la pinza prima di rimontarla.



PASSO 1

Innanzitutto mettiamo la moto sui cavalletti in modo che sia ben ferma, poi incominciamo a svitare i due bulloni a brugola che mantengono settata la pinza.

Consiglio di aiutarsi con una prolunga in modo da poter svolgere l'operazione riuscendo a dosare la forza con più facilità.


PASSO 2

A questo punto bisogna svitare il tappino che protegge il perno che tiene ferme le pastiglieutilizzando un grosso cacciavite a lama piatta


PASSO 3

Ora svitare il perno, non serve toglierlo ora, l'importante per ora è allentarlo


PASSO 4

Smontatimo completamente la pinza dalla forcella


PASSO 5

A pinza smontata estraiamo completamente il perno che tiene ferme le pastiglie


PASSO 6

Estraiamo le pastiglie vecchie


PASSO 7

Ora osserviamo che le pastiglie nuove non comprendono le mollettine (i due lamierini forellati) che fanno da battuta tra le pastiglie ed i pistincini e che servono per prevenire il fischio delle moderne pastiglie senza amianto.

E' questo il momento giusto per effettuare un'ultima verifica delle pastiglie nuove confrontandole con le vecchie. Non si sa mai...


PASSO 8

Li togliamo stando attenti a non danneggiarli piegandoli perchè li dovremo poi agganciare alle nuove pastiglie


PASSO 9

Ecco le nuove pastiglie pronte per essere montate sulla pinza


PASSO 10

Ora possiamo pulire i pistoncini con un panno e se disponibile soffiare la pinza con il compressore.

Terminata l'operaizone di pulizia dobbiamo aprire completamente i pistoncini: per fare questo basta inserire le dita all'interno della pinza e premere i pistoncini con forza fino a quando non saranno rientrati completamente.

Nel fare questa operazione fate attenzione al fatto che l'olio presente nel sarbatoio: infatti se lo avete rabboccato al livello massimo, questo potrà risultare a questo punto eccessivo e sarà quindi necessario asportarne un po'.

Nel caso si rendesse necessario, svitate il tappo del serbatorio ed estraete un po' d'olio con una siringa. Fate attenzione a NON SCENDERE oltre il livello minimo.

Ad operazione terminata potrete ricontrollare il livello ed effettuare eventualmente il necessario rabbocco.

Nel mio caso questo non si è reso necessario.


PASSO 11

E' arrivato il momento di installare le nuove pastiglie, le infiliamo con i ferodi rivolti l'uno verso l'altro. Bastà in effetti eseguire l'operazione di smontaggio alla rovescia.


PASSO 12

Ora inseriamo la placca metallica che fa da fermo alle pastiglie facendo attenzione perchè si può montare solo in un modo.


PASSO 13

Ora infiliamo il perno che avremo precedentemente pulito ...


PASSO 14

.. e lo chiudiamo con la chiave. Per stringerlo consiglio nuovamente di aspettare di aver montato la pinza, così che riusciamo a dosare meglio la forza di serraggio.


PASSO 15

Come ultima operazione sistemiamo le pastiglie allontanandole l'una dall'altra il più possibile. Io ho usato un grosso cacciavite a lama piatta, facendo molta attenzione a non danneggiare il ferodo.

Usate cautela quindi!

Ora la pinza è pronta per essere rimontata: basterà a questo punto seguire i passi dall'1 al 4 in ordine inverso.

Fate attenzione a serrare molto bene i bulloni, in particolare consiglio sempre quando ci si trova a dover stringere viti, bulloni o simili di stringere a mano senza forza tutti i bulloni interessati in modo che il pezzo si assesti in maniera corretta e solo alla fine procedere al serraggio vero e proprio, meglio se effettuato in maniera progressiva su tutti i bulloni un po' alla volta e non come spesso invece ho visto fare di stringere fin da subito un bullone alla volta.


Ritornando al discorso che facevamo all'inizio dell'articolo, sarebbe stato possibile anche non smontare la pinza, smontando solo il perno che tiene ferme le pastiglie. L'operazione di apertura dei pistoncini sarebbe stata però molto più difficile, specie se il disco non è più tanto nuovo o se i pistoncini sono particolarmente sporchi e duri.(*)

Ovviamente tutto questo lavoro va effettuato su entrambe le pinze.

Una volta terminato fate un controllo del livello dell'olio, specie se avete dovuto toglierne un po' come descritto in precedenza, dovrete prendere la leva del freno e dare alcune pompate: le prime due o tre pinzate andranno a fine corsa.

Non spaventatevi! E' perfettamente normale, infatti i pistoncini si muovono di pochissimi millimetri e essendo stati aperti tutti, devono richiudersi un po' prima che le pastiglie inizino a venire pressate sul disco.

Un ultimo controllo all'olio e l'operazione è quasi finita, non resta iunfatti che saltare in sella ed andare a fare un giretto di collaudo.


ATTENZIONE:

Ricordatevi che una pastiglia lavora bene solo quando è ben accoppiata con il disco. Una pastiglia nuova nuova su un disco vecchio ha quindi bisogno di un minimo di rodaggio o come si sente anche dire, di "fare la sede".
Il tempo che ci impiega è proporzionale all'usura del disco, ovvero più il disco è usurato e più la pastiglia avrà punti in cui non lavora sul disco.

Per effettuare un buon rodaggio dischi-pastiglie è quindi una buona norma non esasperare le prime frenate con lunghe staccate bensì effettuare brevi frenate decise intervallate da una piccola pausa onde evitare il surriscaldamento delle pastiglie che potrebbe portare ad una vetrificazione delle stesse.

(*) Tanto per fare darvi un'idea, per aprire i pistoncini della macchina devo usare un estrattore perchè a mano proprio non si schiodano di un millimetro. Se ci fossero pure problemi di spazio che mi impedissero di infilare le dita e fare forza, beh.., allora si che sarebbe proprio un lavaraccio

 

NOTA: un ringraziamento particolare a Domenico per le correzioni