VTR Honda Italian Site Team

Ciao e ben arrivato su www.vtritalia.it,
sei approdato sul sito, nato dalla passione di alcuni VTRisti, che si prefigge
l'ambizioso obbiettivo di diventare il sito di riferimento per i VTR in Italia.
Il forum è a tua disposizione...vi aspettiamo numerosi e facciamo sentire che
"Il VTR c'è!"
Il tuo contributo è prezioso Aiutaci, entra nel Forum e presentati!

Apollo: il veterano Print E-mail
Written by diegus   
Tuesday, 31 October 2006 14:45

Nick name Apollo (anche se scrivo gli articoli con lo pseudonimo Diegus per via di motivi tecnici), di ottima annata (classe 1972), sono in sella ad una due ruote fin da piccolo (beh, ai tempi era priva di motore). Ricordo ancora le gite per i campi in pieno inverno... che freddo!
Il mio primo contatto con una due ruote motorizzata ט stato nel lontano 1988, quando mio padre con buona parte di una mancia lasciatami in ereditא da mio nonno mi prese una Honda XL 125 Parigi-Dakar.

Davvero una gran moto, scarsina quanto a CV rispetto alle concorrenti dell'epoca per via del motore 4 tempi, compensava con consumi ancor oggi da guinness (3-4 litri per 100Km) e con un sound corposo e piacevole, tipico di cubature ben piש generose.

Quella moto, pensate che esiste ancora! Certo il contachilometri ha fatto il giro giא diversi anni fa... ma cosa volete... ט una Honda!

La passsione per le moto nasce cosל, grazie ad una piccola 125 che in realtא terrע per molto molto tempo.

Abitando appena fuori Milano, questa piccola 125 diventa il mio cavallo di cittא per muovermi spedito senza dover dipendere da mezzi pubblici sempre pieni e dagli orari infelici.

Per un certo periodo viene anche affiancata da un vecchio Garelli VIP-4 preso di terza o quarta mano.

Su quel Garelli imparo com'e' un motore, com'e' un cambio, faccio le mie prime conoscenze con bielle, carburatori e tutte le parti meccaniche principali.

Motore completamente rifatto, un bel 75 Polini con 15 pari e Giannelli SpitFire, un piccolo bolide da oltre 90Km/h.

Alla fine della sua lunga carriera l'ho venduto per poche lire ad un ragazzetto che venne a ritiralo con la madre... per 100.000 si porto via oltre al mezzo una infinitא di accessori tra marmitte e accessorietti vari, diciamo che gli feci fare l'affare, che felicitא perע che vidi nei suoi occhi!!!

Tornando a noi, il 1997 fu l'anno della svolta, perchט in pieni studi universitari decisi che era il momento di cambiar moto. Fui perע colto da una visione... automodellismo dinamico.

Che decisione ragazzi, moto nuova o moto vecchia ma automodello a scoppio 1:8?

Fu davvero dura, ed infine decisi per la cosa piש ovvia: automodellismo RC 1:8.

Il periodo 1997-2000 fu memorabile.

Io e mio padre formavamo un efficentissimo team in cui io ero il pilota e lui il team manager e capomeccanico.

Ricordo ancora con nostalgia le sessioni di prove libere sempre alla ricerca dell'assetto ideale, a macinare giri su giri con il cronometro. Per non parlare dei pit-stop in stile Benetton degli anni d'oro in cui eravamo rapidissimi, nonche' l'ottimizzazione estrema del carburante che ci aveva permesso di arrivare ad un pit-stop in meno degli altri.

Che bei tempi.... ma quanto tempo che bisognava dedicarci. Almeno un paio di sere a settimana eravamo in garage fino a mezzanotte e poi una domenica si e una no c'era una gara, piש ovviamente il sabato mattina di prove libere. C'erano poi le gare singole... insomma, il tempo non bastava mai.

Poi come tutte le cose belle ט finita, ma forse ט stato meglio cosל, aver appeso le scarpe al chiodo nel momento migliore mi permette ora di avere solo bei ricordi di una avventura che non potrע mai dimenticare.

La vita riprese cosל come era sempre stata, fatto salvo che finita l'universitא cambiai completamente lavoro (prima facevo l'elettricista installatore) e iniziai a lavorare per una societא di ingegneria informatica.

Nel 2002 acquistai un Dylan 150 di cui rimasi piש che soddisfatto e con cui feci 20.000 Km in poco meno di 2 anni.

Arriviamo al 2004! Ebbene si, stregato dal Ducati Monster decisi che era quello che volevo. Per andare al lavoro infatti le 2 ruote non erano piש utilizzabili in quanto ero andato ad abitare in provincia e mi servivo del treno.

Ma, incredibile a dirsi, il concessionario di Ducati Milano di Sesto S.G. non ט sembrato interessato a nuovi clienti: l'impressione che ho avuto non ט stata infatti quella di un concessionario felice di mostrarti un prodotto, felice di venderti qualcosa in cui lui stesso per primo crede, bensל sembrava che fossi li per rompergli le scatole, come se li infastidissi chiedendogli stupidi gadget in omaggio.

Stupefatto mi dissi, ma se mi trattano cosל ora che devo comperargli una moto nuova, come mi tratteranno se vengo per esporgli un problema? Tanto piש che avevo messo in chiaro la mia intenzione di pagare subito in contanti, cosa che dubito sia comune specie al giorno d'oggi.

Beh, cara Ducati di Sesto S.G. non ט certo il modo migliore questo per trattare i clienti. Che ne abbiano troppi? Certo che a mio modesto parere perdere un cliente pagante ט da stupidi.

Gira e rigira decido che devo trovare un'altra moto, una moto che mi possa dare la stessa soddisfazione che mi sarei aspettato dal Monster.

Giro un po' tutti i concessionari, ma non trovo la moto che fa per me. Ero quasi deciso per uno Z1000, ma non ero ancora appagato e decisi di aspettare.

Venendo da una famiglia di Hondisti, decisi di tornare da Aroni, il mio concessionario di fiducia giusto per farmi un giretto.

E fu proprio li che la vidi. Era li in esposizione, tra un VFR e un CBR 1000 RR. Rossa, doppio scarico, BICILINDRICA, 1000cc, quadrante da brivido rispetto a quello del Monster, cupolino bello ed accattivante specchietti fantastici e i serbatori di frizione e freno in plastica in pieno stile racing. Eppure la prima volta che le ero passato davanti non l'avevo notata!

La guardo, la riguardo, ci giro intorno, ancora una volta finchט poi pronuncio la fatidica frase: “Pino, posso provare a salirci?”

E fu proprio mentre ero sopra di lei che lei mi chiese di portarla via con me. Lei sarebbe stata sempre mia!

Fu come si dice.... “amore a prima cavalcata”!

Da quel giorno siamo inseparabili compagni di divertenti scorrazzate su e giש per l'appenino e le alpi: siamo fatti l'uno per l'altra, entrambi amiamo le curve e odiamo l'autostrada, non ci piace la velocitא fine a se stessa, mentre andiamo matti per le accelerazioni.

VTR 1000 FireStorm, l'unica Super Sport Tourer che si sia mai vista sulla faccia della terra!